RTE

 


canale mestieri

 

_________________________

 

IL PANE DEL BOIA

 

Ricordate la pagina dei Promessi Sposi, in cui Renzo entra in Milano e vede sparsa per la via della farina bianchissima e poi una gran quantità di forme di pane fragranti appena sfornate? Il povero giovane rimane impietrito di fronte a tanto scempio. Poi scoprirà che poco prima c'era stato il famoso assalto al Forno delle Grucce. Ma quella farina in terra, quel pane sparso sul selciato, era peggio di una bestemmia sulla bocca di un Papa!

 

Per i nostri vecchi come per Renzo, il pane era cosa benedetta. Non si buttava via mai. Magari la si dava alle bestie, ma sprecarlo, buttarlo era peccato! Il pane era tutto per la povera gente, era il primo nutrimento, si mangiava pane e companatico, pane e vino, pane e sputo, pane e fiele, pane e rabbia, ma pane, sempre!

 

Quello bianco però, lo vedevano solo le tavole dei ricchi; più si scendeva la scala sociale, più il pane imbruniva: pane di polenta, pane di crusca, pane di fave, pane di ghianda! Alla fine del pane restava solo il nome, in concreto si mangiava la stessa roba che mangiavano i maiali.

 

Il pane, dunque, era anche elemento di distinzione: c'era il pane del Papa, il pane del cavaliere, il pane del prete, il pane dello scudiero. In fondo alla graduatoria c'era il pane del boia. Dice una leggenda, e un pò anche la storia, che i fornai si rifiutavano di vendere il pane al boia e che per questo, Carlo VII di Francia, rischò di rimanere senza boia di corte. Allora il Re fece avvisare i fornai che se non avessero accettato il boia come cliente, sarebbero diventati loro clienti del boia.

 

I fornai furono costretti ad accettare, sebbene di malavoglia, l'antipatico cliente; ma per sfregio e offesa, mettevano da parte per lui il pane peggio riuscito e glielo consegnavano capovolto in segno di disprezzo.

 

Da quella volta è nata l'usanza di non mettere mai in tavola il pane capovolto, perché porta sfortuna; insomma: potrebbe entrare il boia in casa con la scusa di prendersi il suo pane! Non è detto, comunque, che quel pane rovesciato non evochi inconsciamente in noi, la memoria di tante esecuzioni di piazza, dove l'uomo con il cappuccio nero era autore materiale del crimine.

 

 

 

Aziende correlate:

 

 

 © Arpo Angeli  Tutti i diritti riservati

Ogni diritto sui contenuti del sito è riservato ai sensi della normativa vigente. La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, di tutto il materiale originale contenuto in questo sito (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i testi, le immagini, le elaborazioni grafiche) sono espressamente vietate in assenza di autorizzazione scritta.

Cerca nel portale

Contatore visite

585024

chi è online

Abbiamo 152 visitatori online


rte

 
I   M E S T I E R I    L E G A T I    A L    P R I M A T O    D E L L A    M A N O    D E L L ' U O M O

 

www.mestieriartigiani.com © RIPRODUZIONE RISERVATA
Tutti i diritti riservati - associazione culturale TRACCE DEL TEMPO - cod.fisc. 91023460412 - by ParideS Multimedia - PRIVACY - COOKIE POLICY